Una ricetta semplicissima, insalata di sparacelli.

Per oggi posterò una ricetta veloce, che ha come ingrediente fondamentale una verdura che a Palermo chiamiamo “sparacelli”, il cui vero nome è però broccoletti. Ho cercato qualche notizia che potesse essere interessante rispetto agli sparacelli e alla semplicissima insalata che tanto mi piace e che spesso accompagna le mie cene, ma non ho trovato nulla di particolare o tradizionale, ho anche sperato che ci fosse qualche riferimento alla gastronomia araba, magari nell’etimologia del nome, oppure qualche storia legata ai più famosi romanzieri siciliani, etc, ma questa volta non è così e quindi dovrò limitarmi solo a scrivere la brevissima ricetta.

Visto però che si tratta di verdura, potrò almeno postare le foto, appena scattate, di una antica insegna di una famosissima “putia” (negozio di frutta e verdura), di cui ho parlato nel mio post
dedicato ai “putiari”, ovvero Giovenco,
un negozio che malgrado non sia più esistente (rimane solo l’insegna), è rimasto nella memoria e nel linguaggio dei palermitani, per indicare un fruttivendolo particolarmente caro, che vende primizie e che negli anni passati, quando la frutta era ancora legata alle stagioni, era molto ambito dalle donne in stato di gravidanza, che potevano accontentare i loro desideri di frutta in tutti i periodi dell’anno, certo a prezzo di gioielleria.
Ancora oggi di fronte a un conto molto salato si dice infatti: “e che è Giovenco?”.
Torniamo alla ricetta. Gli sparacelli sono molto usati per preparare due ottimi tipi di pasta, “chi sparaceddi assassunati” oppure “chi sparaceddi arriminati”, variante della più tipica pasta a base di broccoli (cavolfiori). In questo caso gli sparacelli saranno semplicemente bolliti e conditi con olio e limone, insomma non serve nemmeno la ricetta perchè tutti la possono preparare in pochi minuti, ma per sicurezza eccola qui!

RICETTA
Ingredienti: sparacelli, olio evo, un limone, sale e pepe.

Procedimento: lavare bene gli sparacelli, eliminare se necessario le foglie più dure, sfilare le rimanenti foglie, tagliare in grossi pezzi i “giummi” (le cime). Far bollire in una pentola abbondante acqua salata e aggiungere la verdura, far cuocere per dieci, quindici minuti,

fino a quando le cime saranno cotte ma al dente (si può verificare affondando una forchetta). Scolare e far raffreddare. Tagliare le foglie e le cime in pezzi non troppo piccoli e condire con olio, limone e pepe (e sale se necessario), a me piace anche aggiungere un’ arancia sbucciata e tagliata a tocchetti, se si volesse esagerare si potrà anche unire dei piccoli filetti di acciughe sott’olio.
E’ troppo semplice, lo so, ma mi piace tanto!
Annunci

18 thoughts on “Una ricetta semplicissima, insalata di sparacelli.

  1. Nooooo, mi deludesti alquanto ! Nessun rimando arabo ??? hahahahahaOttimi in ogni modo ! Anche solo lessati, con olio, sale e limone oppure ripassati con aglio, olio e peperoncino… :-DBella 'sta variante palermitana… ne ho giusto un po' in frigo 🙂

  2. Quando si ha la fortuna di trovarli piccoli sono veramente una delizia!E' vero, una ricetta semplice come la cucina mediterranea, che fa tanto bene.Ciao, buona giornata!

  3. Gli sparacelli? mai sentito questo nome! A me sembrano i classici broccoletti! XD Sono diversi? Comunque devono esser un concentrato vitaminico! Guarda che verde! 🙂 Da te si ha la fortuna di imparare diverse cose! Ed ora dove acquisti la frutta e la verdura? Hai trovato un ortolano alla pari di Giovenco? Noi siamo abbonati al nostro Andrea, che è pure un poeta e ogni tanto oltre alle sue prelibatezze ci offre una recita in diretta! Anche far la spesa dev'essere un piacere! 😉

  4. Sai che io tra tutta la famiglia di broccoli, broccoletti, cavolfiori ecc.. questi son gli unici che trovo molto forti a livello di sapore.. e riesco a mangiarli solo abbinati con la salsiccia e peperoncino!!! ehehehe bacioni :-))))))

  5. @Jajo: u sacciu (lo so) che ti deludetti, se mi concentravo di più sono sicura che qualcosa la trovavo! @Susy: concordo!@Sirio: si, se sono piccoli, ma nello stesso tempoben compatti, sono perfetti! la cucina mediterranea è ottima e salutare.@Fra: con l'arancia è proprio buona, provala, non ti deludero!@Danda: sono proprio i classici broccoletti, ma qui nessuno li conosce con il loro nome, ma solo come sparacelli! Da Giovenco non sono mai stata, credo abbia chiuso da tanti anni, il mio fruttivendolo è proprio sotto casa, ogni tanto "è un pò giovenco", ma da ottimi consigli, però anche i mercati non sono male!@Iana: vero, per certe cose è bellissimo, per altre un pò meno, ma staccarsi è difficile…@Claudia: bè con salsiccia e peperoncino, condivido! Per quanto riguarda i cavolfiori, non so dirti se il sapore mi sembra forte o meno, ma l'odore (diciamo così) non ha pari!!!@Upupa: e allora buon appetito!

  6. Caspita… mi sono distratta un attimo e ho tanto da recuperare da leggere!!! Oggi uno mi ha fermato mentre uscivo da casa e mi ha dettodov'è via uél?e io: aaaaah?Via uèl!!e io: ma che zona è?e chi ni sacciu, mi dissero proseguimento via Ghètcesss… avete capito che indicazione chiedeva???Qui l'inglese è un optional!! Ma intanto mi sono fatta crasse risate

  7. @Raffaella: ciaooo! A noi una volta una ragazza palermitana doc che accompagnava un ospite ha chiesto come arrivare in piazza struzzo (!?!), è stato difficile trattenersi… altro che inglese!!! Mi hai dato ispirazione su un post sulle storpiature dei nomi delle strade!!!! Baci

  8. semplici ma buoniiiiiiiii,ne ho mangiato oggi in bel piattone….il profumo che emana in cottura e' un po fastidioso…ma alla fine sono davvero buoni…quindi concordo in pienooo..baci!!!!

  9. Buoni i broccoli, in questo periodo non mancano mai in casa nostra, li cuciniamo in tutti i modi e sono sempre squisiti! Le insegne storiche hanno sempre un fascino speciale, anche nella nostra città hanno chiuso botteghe alle quali eravamo affezionati, un gran peccato!Baci da Sabrina&Luca

  10. E tu pensa che io sono dovuta arrivare a Roma dal profondo nord per scoprire questa delizia! Ah sottoscrivo tutto il tuo post, non c'è niente di meglio: è un piatto semplicissimo, gustoso, sano, economico – e per me che preferisco limitarmi con la carne è quello che ci vuole…Slurp!!!Grazie cara Agave, ed evviva i sparacelli 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...